domenica , Maggio 16 2021
Home / Appunti di italiano / I complementi dell’analisi logica: cosa e quali sono
Complementi analisi logica

I complementi dell’analisi logica: cosa e quali sono

I complementi dell’analisi logica fanno parte, assieme agli attributi ed alle apposizioni, di quegli elementi definiti variabili.

Questo significa che, in una proposizione, possono esserci ma non sono indispensabili.

La frase minima è composta da soggetto e predicato verbale, es. “Luca mangia”. Se aggiungiamo un complemento, questo non fa altro che puntualizzare, approfondire o arricchire la frase minima.

Per esempio, nella proposizione “Luca mangia una mela”, la mela è un complemento, nello specifico si tratta di un complemento oggetto.

Chiaramente un periodo può essere composto da numerosi complementi, senza che questo vada in qualche modo ad alterarne la struttura basilare o il senso della stessa.

Complementi dell’analisi logica diretti ed indiretti

Come vedremo tra poco, i complementi dell’analisi logica sono davvero tanti. Tuttavia, è possibile raggrupparli in due macro categorie: i complementi diretti ed i complementi indiretti.

I complementi diretti

Per complementi diretti si intendono quelli che si legano al verbo direttamente, cioè senza una preposizione.

In questa prima categoria rientrano soltanto tre complementi:

  • il complemento oggetto,
  • il complemento predicativo del soggetto,
  • il complemento predicativo dell’oggetto.

I complementi indiretti

La categoria decisamente più numerosa e variegata è quella dei complementi indiretti, ossia tutti quelli costruiti fondamentalmente con preposizioni semplici o articolate e che aggiungono numerose informazioni alla frase.

Il modo più efficace e più utilizzato per individuare correttamente di quale tipologia di complemento ci stiamo occupando, consiste nel chiederci: “a quale domanda risponde?”.

Proviamo a spiegarci in maniera più chiara utilizzando i principali complementi indiretti:

  • Il complemento di specificazione: risponde alle domande “di chi? di che cosa?”. Es: i figli dei miei amici sono bravissimi.
  • Il complemento di termine: risponde alla domande “a chi? a che cosa?”. Es: ho portato i biscotti ad Anna.
  • Infine, il complemento d’agente o di causa efficiente: risponde, nelle frasi con verbo passivo, alle domande: “da chi? da che cosa?”. Es: L’uovo di Pasqua è mangiato dai bambini.

Circa Feliciana

Guarda anche

esame di maturità

Esame di maturità, tutto quello che c’è da sapere

L’esame di maturità o esame di stato, è una prova conclusiva del ciclo di istruzione ...

Al di là o aldilà

Al di là o aldilà: come si scrive correttamente?

Al di là o aldilà, quale delle due grafie è quella corretta? E perché capita ...

A volte o avvolte

A volte o avvolte: come si scrive correttamente?

Si scrive a volte o avvolte? E perché capita frequentemente di leggere entrambe le forme? ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *