Home / Appunti di italiano / Predicato verbale e nominale: scopriamoli insieme
Predicato verbale e nominale

Predicato verbale e nominale: scopriamoli insieme

Come accennato nella guida generale all’analisi logica, tra predicato verbale e nominale, entrambi alternativamente elementi fissi del periodo, ci sono delle differenze.

Gli elementi fissi sono quelli indispensabili affinché si possa dire che la frase sia completa e la possa analizzare dal punto di vista dell’analisi logica.

Predicato verbale e nominale, si possono individuare facilmente ricordandosi che si tratta di ciò che in analisi grammaticale prende il nome di verbo.

Ciò che può risultare meno semplice ed intuitivo è capire la differenza tra queste due tipologie di predicato.

Chiariamola insieme!

Il predicato verbale

Per comprendere cosa cambia tra predicato verbale e nominale, partiamo dal primo. Per predicato verbale si intende quel verbo che, da solo, è sufficiente affinché la frase sia completa e che esprime un’azione subita o compiuta dal soggetto.

Ma non solo.

Questo sintagma può anche indicare come è il soggetto o in che situazione si trova.

Il predicato verbale può essere espresso non solo con i verbi alla forma attiva ma anche passiva e riflessiva.

Esempi:

  • “Luca mangia la cioccolata”. Mangia, forma attiva, è il predicato verbale.
  • “La pesca è mangiata da Luisa”. É mangiata, forma passiva, è il predicato verbale.
  • “Il gatto si lava“. Si lava, forma riflessiva, è il predicato verbale.

I verbi servili o fraseologici

Se la frase che stiamo analizzando contiene un verbo servile (volere, potere e dovere) o un verbo fraseologico (cominciare a, cercare di…), questi vanno analizzati unitamente al verbo che accompagnano.

Esempio:

  • La bambina può andare al parco. Può andare è il predicato verbale.

Il predicato nominale

Cosa cambia allora tra predicato verbale e nominale? Quest’ultimo sta ad indicare un modo di essere del soggetto, uno stato d’animo, una sua qualità.

Si compone di due parti: il verbo essere (o altri verbi copulativi come sembrare, diventare etc), che prende il nome di copula più il nome del predicato che può essere un nome o un aggettivo.

Esempio:

  • “Mio padre è un avvocato“. É un avvocato è il predicato nominale
  • “Oggi mia madre sembra molto felice“. Sembra molto felice è il predicato nominale.

Circa Feliciana

Guarda anche

Metonimia

Metonimia: esempi, significato e definizione

La metonimia deriva da un bisogno primario della lingua italiana e non solo, quello di ...

Avverbi di frequenza in inglese

Avverbi di frequenza in inglese: quali sono?

L’inglese è una delle lingue più parlate al mondo e una skill indispensabile da avere ...

Preposizioni di tempo in inglese

Preposizioni di tempo in inglese: quali sono?

L’inglese è una delle lingue più parlate al mondo e scoprirne tutti i segreti può ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *