Home / Appunti di italiano / Complemento di limitazione: la guida semplice e completa
Complemento di limitazione

Complemento di limitazione: la guida semplice e completa

Il complemento di limitazione può apparire meno intuitivo per chi si sta approcciando da poco all’analisi logica o comunque non ha molta dimestichezza con la stessa.

Non solo perché di fatto richiede un po’ di concentrazione in più per poter essere compreso, ma anche perché a differenza di altri complementi come ad esempio il complemento oggetto o di specificazione, questo è tendenzialmente meno diffuso, ma non meno importante!

Vediamo insieme quali sono i punti salienti e cerchiamo di capire bene questo complemento anche attraverso l’aiuto di esempi pratici.

Cosa indica il complemento di limitazione

All’interno degli elementi dell’analisi logica è possibile fare una distinzione tra elementi fissi ed elementi variabili.

Gli elementi fissi sono necessari per dare un senso compiuto alla frase e sono soltanto il predicato ed il soggetto, che talvolta può essere sottinteso.

Gli elementi variabili, come appunto i complementi, aggiungono delle informazioni alla preposizione.

Questo elemento variabile dell’analisi logica indica sotto quali aspetti o entro quali limiti ha valore quanto viene espresso dal predicato.

Per cui, le domande a cui risponde sono: limitatamente a chi? Limitatamente a che cosa? Rispetto a chi? Rispetto a che cosa? In quanto a che cosa?

Si tratta di un complemento indiretto, questo significa che non si lega direttamente all’elemento da cui dipende ma lo fa attraverso delle preposizioni o delle locuzioni preposizionali.

Le preposizioni in questione possono essere: di, a, in, per, da nelle forma semplice o articolata.

Le locuzioni che più di frequente precedono un complemento di limitazione, invece, sono: in quanto a, rispetto a, in fatto dì, limitatamente a.

Anche espressioni come “secondo me”, “a mio parere” ed affini possono introdurlo. Il motivo risiede nel fatto che restringono o delimitano il valore di quanto detto.

Per rendere la comprensione più chiara, facciamo qualche esempio.

  • Luigi è il migliore in matematica
  • Quel gatto è zoppo da una zampa posteriore
  • A mio avviso non dovresti dire nulla

Circa Feliciana

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *