domenica , Maggio 16 2021
Home / Appunti di italiano / Complemento di limitazione: la guida semplice e completa
Complemento di limitazione

Complemento di limitazione: la guida semplice e completa

Il complemento di limitazione può apparire meno intuitivo per chi si sta approcciando da poco all’analisi logica o comunque non ha molta dimestichezza con la stessa.

Non solo perché di fatto richiede un po’ di concentrazione in più per poter essere compreso, ma anche perché a differenza di altri complementi come ad esempio il complemento oggetto o di specificazione, questo è tendenzialmente meno diffuso, ma non meno importante!

Vediamo insieme quali sono i punti salienti e cerchiamo di capire bene questo complemento anche attraverso l’aiuto di esempi pratici.

Cosa indica il complemento di limitazione

All’interno degli elementi dell’analisi logica è possibile fare una distinzione tra elementi fissi ed elementi variabili.

Gli elementi fissi sono necessari per dare un senso compiuto alla frase e sono soltanto il predicato ed il soggetto, che talvolta può essere sottinteso.

Gli elementi variabili, come appunto i complementi, aggiungono delle informazioni alla preposizione.

Questo elemento variabile dell’analisi logica indica sotto quali aspetti o entro quali limiti ha valore quanto viene espresso dal predicato.

Per cui, le domande a cui risponde sono: limitatamente a chi? Limitatamente a che cosa? Rispetto a chi? Rispetto a che cosa? In quanto a che cosa?

Si tratta di un complemento indiretto, questo significa che non si lega direttamente all’elemento da cui dipende ma lo fa attraverso delle preposizioni o delle locuzioni preposizionali.

Le preposizioni in questione possono essere: di, a, in, per, da nelle forma semplice o articolata.

Le locuzioni che più di frequente precedono un complemento di limitazione, invece, sono: in quanto a, rispetto a, in fatto dì, limitatamente a.

Anche espressioni come “secondo me”, “a mio parere” ed affini possono introdurlo. Il motivo risiede nel fatto che restringono o delimitano il valore di quanto detto.

Per rendere la comprensione più chiara, facciamo qualche esempio.

  • Luigi è il migliore in matematica
  • Quel gatto è zoppo da una zampa posteriore
  • A mio avviso non dovresti dire nulla

Circa Feliciana

Guarda anche

esame di maturità

Esame di maturità, tutto quello che c’è da sapere

L’esame di maturità o esame di stato, è una prova conclusiva del ciclo di istruzione ...

Al di là o aldilà

Al di là o aldilà: come si scrive correttamente?

Al di là o aldilà, quale delle due grafie è quella corretta? E perché capita ...

A volte o avvolte

A volte o avvolte: come si scrive correttamente?

Si scrive a volte o avvolte? E perché capita frequentemente di leggere entrambe le forme? ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *