lunedì , Ottobre 19 2020
Home / Appunti di italiano / Parti del discorso: ecco quali sono!
Parti del discorso

Parti del discorso: ecco quali sono!

Lo studio delle parti del discorso è uno degli argomenti più trattati nel corso del percorso della scuola primaria, ma anche della scuola secondaria di primo grado (per capirci quelle che in precedenza si chiamavano “scuole medie”).

Studiare le parti del discorso spesso precede ed è funzionale all’analisi grammaticale; questa insieme ad analisi logica e analisi del periodo, sono gli argomenti più trattati a scuola (per quanto concerne la materia dell’italiano).

Questo articolo vuole essere la prima di una serie di articoli volti a spiegare in dettaglio tutte le parti che compongono un discorso. Bene, vediamo subito in dettaglio!

Parti del discorso: parti variabili e invariabili

Innanzitutto le parti del discorso si suddividono in parti variabili e parti invariabili; cioè le prime variano in base a genere e numero, invece le seconde no. Quindi:

  • parti variabili: nome, verbo, pronome, aggettivo, articolo;
  • parti invariabili: preposizione, congiunzione, avverbio ed interiezioni (o esclamazioni).

Parti del discorso: quali sono?

Ok, ora vediamole brevemente in dettaglio. Come detto, per ciascuna di queste seguirà uno o più articoli di approfondimento!

Nome

Detto anche sostantivo è una delle parti variabili del discorso. Insieme al verbo costituiscono le due parti della frase più importanti. Per una chiara classificazione si distinguono in base a:

  • numero: cioè il nome può essere singolare o plurale; esistono comunque delle varianti, come:
    • nomi difettivi
    • nomi sovrabbondanti
    • nomi invariabili
  • genere: cioè nome maschile o femminile;
  • struttura:
    • nomi primitivi e derivati
    • nomi composti
    • nomi alterati (vezzeggiativo, diminutivo ecc)
  • tipo:
    • nomi propri: che possono essere di persona, animale o cosa; forse li ricorderai per una caratteristica semplice. Infatti sono quella categoria di nomi la cui iniziale deve essere maiuscola.
    • nomi comuni, i quali possono essere di persona, animale o cosa;
    • nomi concreti e astratti
    • nomi individuali e collettivi

Aggettivo

L’altra parte del discorso invariabile che aggiunta al nome ne indica una sua caratteristica. Si distinguono in:

  • aggettivi determinativi (o indicativi): a differenza di quelli qualificativi non specificano una qualità. Distinguiamo per esempio (in via non esaustiva):
    • possessivi, dimostrativi, indefiniti, numerali.
  • aggettivi qualificativi: specificano una qualità del nome.

Articolo

Parte variabile del discorso che va sempre prima di un nome. Si suddividono in:

  • articoli determinativi: per riferirsi a persone/cose determinate;
  • articoli indeterminativi: quando le cose o le persone non sono determinate e/o menzionate in precedenza;
  • articoli partitivi; come per esempio: un po/, del ecc.

Pronome

In latino “al posto del nome”, il pronome ha diverse funzioni tra cui quella di sostituire una parte del testo (successiva o precedente).

Ne esistono di diverse tipologie, come:

  • pronome personale
  • pronome riflessivo
  • pronome possessivo
  • pronomi dimostrativi

Congiunzione

Le congiunzioni sono indispensabili per unire due elementi all’interno di una preposizione. Possono essere:

  • coordinative, copulative, disgiuntive ecc.

Un elenco completo, con esempi, la puoi trovare qui.

Preposizione

Parte invariabile del discorso necessaria per collegare gli elementi di una frase. Possono essere:

  • proprie
  • improprie
  • locuzione prepositiva

Avverbio

E’ anch’esso una parte invariabile del discorso, la cui funzione è quella di modificare il significato di un verbo, nome, aggettivo ecc. Ricordiamo:

  • avverbi di modo
  • avverbi di tempo
  • avverbi di luogo
  • avverbi di negazione

Verbo

E’ la parte più importante di una frase ed indica un’azione, uno stato, un modo di essere. Del verbo possiamo stabilire:

  • coniugazione (si parla di prima, seconda e terza);
  • modo (indicativo, congiuntivo ecc);
  • tempo (presente, futuro, passato ecc);
  • persona (prima, seconda oppure terza);
  • numero
  • genere
  • forma

Interiezioni

Forse sono la parte del discorso meno conosciuta ed approfondita. Con alcuni esempi saprai di sicuro riconoscerle:

  • Boh! , Ah!, Oh!

Parti del discorso? Perchè è importante lo studio

Come detto in precedenza, lo studio approfondito delle parti del discorso è fondamentale per comprendere l’analisi grammaticale.

E’ necessario catalogare ciascuna parte di una frase all’interno delle NOVE categorie che abbiamo fin qui esposto.

Circa Giovan Giuseppe Ferrandino

Guarda anche

daltronde o d'altronde

Daltronde o d’altronde: come si scrive?

Tante parole che usiamo senza alcuna difficoltà della lingua parlata si rivelano invece particolarmente capziose ...

Risurrezione o Resurrezione

Risurrezione o Resurrezione, come si scrive?

Risurrezione o resurrezione sono entrambe corrette, se scrivete un testo di religione o filosofia non ...

Denuncie o denunce

Denuncie o denunce, come si scrive?

Per scrivere una frase, cosa scegliereste tra denuncie o denunce? Ebbene, con questa nuova parola ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *