mercoledì , Marzo 3 2021
Home / Lessico / Tuttoggi o tutt’oggi, come si scrive?
Tuttoggi o tutt'oggi

Tuttoggi o tutt’oggi, come si scrive?

Partiamo dal cosa sbagliamo oppure no, scegliendo tra tuttoggi o tutt’oggi. Consultando diverse fonti possiamo dire che siano corrette entrambe, la prima forma è considerata rara ma corretta.

Per scrivere però scegliete sempre tutt’oggi, la forma separata dall’apostrofo. Il significato unico di questa espressione è: fino a oggi, compresa la giornata di oggi (fonte: Nuovo De Mauro).

Tutt’oggi è una locuzione avverbiale che unisce l’avverbio oggi e l’aggettivo più pronome tutto. Vi consigliamo di studiare e stampare questo testo della Crusca dedicata ai dubbi sulle parole unite o separate.

Vediamo qualche frase esempio con la forma corretta:

  • Un delitto a tutt’oggi irrisolto
  • Sono state aperte tante possibilità ma a tutt’oggi nessuno si è fatto avanti.
  • Tutt’oggi non è stata rinvenuta traccia dell’oro antico con cui Wilbur ed il vecchio Whateley avevano sempre pagato i loro debiti.
  • Sarà il dilemma a tutt’oggi irrisolto della sua esistenza: stare con il socialismo o con il liberalismo?

Tutt’oggi o tuttoggi, perché si sceglie la forma separata?

Molte volte, nella nostra sezione lessico, ci siamo trovati di fronte a parole corrette e usate nella loro forma rara o in disuso. Se dovete scegliere, è sempre meglio seguire le indicazioni fornite dai dizionari linguistici, da fonti importanti come l’Accademia della Crusca o la Treccani, le tendenze di scrittura generali.

Le forme rare o in disuso si riportano nelle citazioni, per rispetto delle frasi scritti da autori di un periodo storico e linguistico.

Il caso tutt’oggi o tuttoggi ci porta ad analizzare la differenza tra elisione e troncamento.

Tutt’oggi o tuttoggi, quando si uniscono o si separano le parole

Tutt’oggi subisce l’elisione, ovvero la sostituzione con apostrofo dell’ultima vocale per unirla all’altra.

L’elisione avviene con gli articoli determinativi e indeterminativi. Non si scrive lo amico, ad esempio, ma l’amico.
Una amica è un’amica. Però un amico è senza l’apostrofo perché in questo caso è troncamento.

Il troncamento è chiamato anche apocope, si sopprime alla fine di una parola la vocale, la consonante oppure una sillaba. I motivi sono tanti e spesso sono dovuti alla pronuncia, al suono della lettura.

Il contrario di troncamento o elisione è univerbazione. Ovvero l’unione di parole separate per creare un unico vocabolo di senso compiuto. Il nostro esempio è tuttoggi seppure da non usare nello scrivere.

Circa Iole

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *