mercoledì , Marzo 3 2021
Home / Lessico / Appieno o a pieno, come si scrive
Appieno o a pieno

Appieno o a pieno, come si scrive

Appieno o a pieno hanno lo stesso significato: interamente o pienamente.

Come parola unica, è un avverbio ed è la forma più usata, la più corretta da usare. Scegliete di scrivere appieno, anche senza accento.

Perché viene segnato l’accento nella seconda e?

Nei dizionari, la trovate con l’accento sulla seconda e: appièno. In alcuni casi, anche nella sua forma staccata: a pièno.

E’ il suono che deve essere rispettato nella sua lettura o pronuncia.

  • La è di appièno
    non ha il suono
  • della é di perché

La prova la potete fare usando il lettore di Google. Oppure provate a distinguere è e é leggendo ad alta voce

Gli accenti sono un mondo a parte, sia quando sono dentro le parole o finali.

Appieno o a pieno, cos’è l’univerbazione?

Il processo di univerbazione viene spiegato molto bene dalla Treccani. Si tratta di parole o elementi autonomi che si uniscono per creare una sola parola.

  • A Pieno – diventa – Appieno

In questo caso, ci troviamo di fronte ad una formula di univerbazione per raddoppiamento. La p diventa doppia, abbiamo incontrato questo caso analizzando la parola sopralluogo o sopraluogo.

Pieno, appieno o a pieno: frasi esempio e differenze

Pieno significa riempito, appieno è un avverbio che significa pienamente o interamente, a pieno è sia avverbio che aggettivo e va usato quando sottolinea la caratteristica di essere “meritato” “riempito per intero” e altre qualifiche aggettivanti.

Ecco alcune frasi esempio.

  • Il bicchiere è pieno di acqua.
  • Che bel pranzo, ho lo stomaco pieno.
  • Il bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto (proverbi e detti comuni).
  • A pieno regime
  • A pieno ritmo
  • A pieno carico
  • A pieno titolo
  • Cara è la vita, nel senso che è preziosa e bisogna gustarla a pieno!
  • Non comprendi appieno il significato delle mie parole.
  • Dopo l’operazione chirurgica riacquisterà appieno la funzione dell’occhio
  • Quando comprese appieno la gravità della situazione si ravvide.

Circa Iole

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *