Home / Appunti di matematica / Trapezio isoscele: caratteristiche e formule
Trapezio isoscele

Trapezio isoscele: caratteristiche e formule

Il trapezio isoscele fa parte della famiglia dei trapezi, ovvero dei quadrilateri.

Tra le caratteristiche dei trapezi ci sono:

  • avere due lati paralleli detti anche basi (base minore e base maggiore);
  • avere due lati obliqui perpendicolari alle due basi.

Una forma geometrica interessante che merita di essere approfondita per bene.

Potremo definire il triangolo isoscele come tra i più semplici nel gruppo dei diversi trapezi, e con il proseguire del nostro articolo potrai capire presto il perché.

Trapezio isoscele: definizione e tutto quello che c’è da sapere

caratteristiche e formule del trapezio isoscele

Come già detto in precedenza, il trapezio isoscele è un quadrilatero in cui vi sono due basi (una di una lunghezza maggiore rispetto all’altra) e due lati obliqui congruenti, ovvero di uguale misura.

Altra cosa da notare, poi, sono gli angoli.

Gli angoli adiacenti alle basi hanno la stessa gradazione e sono quindi congruenti. Ci si troverà, quindi, con due angoli acuti e due angoli ottusi.

Ora che hai capito bene cos’è il trapezio isoscele sei pronto anche per fare il passo successivo e conoscere le diverse formule.

Quali sono le diverse formule del trapezio isoscele?

Come capita anche nel trapezio rettangolo, le formule usate per il trapezio isoscele sono quelle generiche di tutti i diversi trapezi.

Bisogna dire però, che il fatto di avere due lati uguali facilita di gran lunga i calcoli e rende tutto ancora più semplice.

Per quanto riguarda le formule dirette troverai:

  • perimetro= base maggiore+base minore+(lato obliquo x 2)
  • area= [(base minore+base maggiore) x altezza] : 2

Passiamo, ora, alle formule inverse che sono sempre le più complesse. Tra l’altro, per alcune sarà necessario usare anche il Teorema di Pitagora:

  • base maggiore (conoscendo il perimetro)= perimetro) – base minore – somma lati obliqui
  • base maggiore (conoscendo l’area)= [(2xarea) : altezza] – base minore
  • base minore (conoscendo il perimetro)= perimetro-base maggiore-somma lati obliqui
  • base minore (conoscendo l’area)= [(2xarea) : altezza] – base maggiore
  • lato obliquo (conoscendo il perimetro)= perimetro-base minore-base maggiore-altezza
  • lato obliquo (conoscendo solo basi ed altezza)= √ altezza2 + [(base maggiore-base minore) :2]2
  • altezza (conoscendo l’area)= (2xarea) : (base maggiore+base minore)
  • altezza (conoscendo solo basi e lato obliquo)= √ lato obliquo2 – [(base maggiore-base minore):2]2

Circa Monia Uliana

Guarda anche

Pentagono formule

Pentagono formule dirette e inverse

Pentagono formule di base: Perimetro considerando il latocome trovare il lato con formula inversaarea del ...

Qualcos'altro o qualcosaltro: come si scrive?

Qualcos’altro o qualcosaltro: come si scrive?

Uno dei tanti dubbi che affligge ogni italiano è il capire se si scrive qualcos’altro ...

Si scrive perchè o perché

Si scrive perchè o perché?

Anche i parlanti nativi di una data lingua spesso cadono in errori banali ed evitabili ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *