mercoledì , Marzo 3 2021
Home / Appunti di matematica / Trapezio rettangolo: caratteristiche e formule
Trapezio rettangolo

Trapezio rettangolo: caratteristiche e formule

Il trapezio rettangolo è una forma geometrica che spesso può mettere in crisi diversi studenti.

La verità, però, è che se la analizzi con attenzione potresti scoprire che non è poi così complicata come credi.

Partiamo subito con il dirti che il trapezio rettangolo fa parte della famiglia dei trapezi.

Viene definito rettangolo per la sua tipica caratteristica dell’avere un angolo retto, ovvero di 90°.

Ma andiamo a conoscere un po’ meglio questa forma geometrica.

Trapezio rettangolo: definizione e tutto quello che c’è da sapere

Il trapezio rettangolo è un quadrilatero in cui sono presenti due lati paralleli ed altri due lati di cui uno è obliquo.

I due lati paralleli sono chiamati anche con il nome di basi: base minore e base maggiore.

Il lato perpendicolare alle base, poi, è quello che va a formare il tipico angolo retto che dà anche il nome a questo tipo di trapezio.

Lungo la tua carriera scolastica sicuramente ti capiterà di trovarti davanti un trapezio rettangolo e di dover anche calcolarne le diverse misure.

Tranquillo, ci siamo qui noi ad aiutarti.

Quali sono le diverse formule del trapezio rettangolo?

Per risolvere i diversi problemi sul trapezio rettangolo si utilizzano le formule generiche di tutti i trapezi.

Questo ti agevola di gran lunga perché ti permette di poter gestire le diverse tipologie di trapezi senza andare in confusione e commettere errori.

Ma quali sono queste formule?

Cominciamo con le formule dirette:

  • perimetro= base minore+base maggiore+altezza+lato obliquo
  • area= [(base minore+base maggiore) x altezza] : 2

Procediamo, ora, con le formule inverse che possono esserti molto utili in diversi casi. Per alcune sarà necessario applicare anche il Teorema di Pitagora:

  • base maggiore (conoscendo il perimetro)= perimetro-base minore-lato obliquo-altezza
  • base maggiore (conoscendo l’area)= [(2xarea) : altezza] – base minore
  • base minore (conoscendo il perimetro)= perimetro-base maggiore-lato obliquo-altezza
  • base minore (conoscendo l’area)= [(2xarea) : altezza] – base maggiore
  • lato obliquo (conoscendo il perimetro)= perimetro-base minore-base maggiore-altezza
  • lato obliquo (conoscendo solo basi ed altezza)= √ altezza2 + (base maggiore-base minore)2
  • altezza (conoscendo il perimetro)= perimetro-base minore-base maggiore-lato obliquo
  • altezza (conoscendo l’area)= (2xarea) : (base maggiore+base minore)
  • altezza (conoscendo solo basi e lato obliquo)= √ lato obliquo2 – (base maggiore-base minore)2

Circa Monia Uliana

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *