mercoledì , Marzo 3 2021
Home / Lessico / Perfino o persino: come si scrive?
Perfino o persino: come si scrive?

Perfino o persino: come si scrive?

Tra i mille dubbi che regnano nella lingua italiana non possiamo non pensare anche a come si scrive perfino o persino.

Sono due parole molto utilizzate sia nella lingua scritta che nella lingua parlata e, spesso, ci si ritrova a chiedersi quale sia la forma corretta e se queste due parole non abbiano magari un significato diverso tra di loro.

C’è poco da fare, l’italiano è una lingua estremamente difficile che mette a dura prova qualsiasi straniera che dedica di impararlo.

Perfino o persino? Daltronde o d’altronde? E la lista potrebbe continuare all’infinito.

Ma cerchiamo di indagare un pò di più sull’uso corretto di perfino/persino.

Perfino o persino: qual è la forma corretta?

Cominciamo, prima di tutto, con il capire il significato di queste espressioni.

Le parole perfino o persino stanno ad indicare una situazione che quasi sfiora l’impossibile o l’inimmaginabile. In pratica quando una situazione diventa esagerata rispetto all’origine.

Entrambe le parole sono perfettamente sostituibile anche dall’unica “addirittura“.

Ma c’è differenza tra perfino e persino?

Perfino o persino: la regola

Come si può notare, fino ad ora abbiamo parlato di un solo ed unico significato.

Questo particolare fa già capire come, perfino e persino siano perfettamente interscambiabili.

Le due parole, infatti, hanno il medesimo significato e non c’è, in realtà, una forma corretta ed una forma errata.

Ognuno è libero di scegliere la forma che più aggrada il suo stile di scrittura.

Se proprio volessimo essere pignoli, potremo dire che esiste una minima differenza per quanto riguarda proprio lo stile.

La parola perfino potremo catalogarla nel gruppo delle parole più colloquiali.

Mentre, la parola persino è adatta ad uno stile un pò più elegante.

Facciamo qualche esempio.

  • Smettila di fare così! Sei perfino ridicolo.
  • Ha persino copiato tutti i sottotitoli.
  • Ha interrogato perfino l’ultimo giorno di scuola.
  • Le allego persino tutte le brutte copie.

È ben evidente di come entrambe le parole siano, dal punto di vista ortografico, corrette.

Circa Monia Uliana

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *