Home / Appunti di italiano / Il lampo di Giovanni Pascoli: analisi e commento
Il lampo di Giovanni Pascoli

Il lampo di Giovanni Pascoli: analisi e commento

Il lampo” è un componimento poetico composto dall’autore Giovanni Pascoli tra il 1891 e 1892 e pubblicato nel 1894 nella terza edizione della raccolta Myricae, alla sezione “Tristezze”.

Analizziamo insieme il significato, lo schema metrico e le principali figure retoriche.

Il lampo: il commento alla poesia

La poesia “Il lampo” racchiude al suo interno alcune tra le tematiche più care a Pascoli: la natura ed il dolore.

La natura intesa come simbolo: in questo caso il lampo, appunto simbolicamente, richiama accadimenti della vita del poeta avvenuti proprio in maniera fulminea e devastante.

L’elemento preponderante in tutta la lirica è quello visivo, attraverso visioni ed immagini relative all’agente atmosferico, Pascoli rivive e ci racconta uno degli eventi più traumatici della sua vita: la morte del padre.

Il primo verso del componimento appare come una rivelazione: il cielo e la terra, per via del forte chiarore del lampo, si mostrano per ciò che sono realmente.

A seguire, troviamo, in rapida successione, delle immagini che descrivono un paesaggio dilaniato dalla pioggia incessante che smuove la terra facendola apparire singhiozzante.

Anche il cielo ne “Il lampo” assume dei toni tragici e funerei, agli occhi del narratore appare come squarciato, come stremato dal temporale. Proprio come egli stesso si è sentito alla sopraggiungere della notizia della morte dell’amato padre.

Questo susseguirsi di immagini violente viene interrotto al v.4 dalla visione di un casa bianca illuminata dal lampo.

Ma questa immagine è breve, come un battito di ciglia. Ed infatti, proprio come l’occhio si chiude per non aprirsi più, così la casa cade nuovamente nell’oscurità.

La casa è un chiaro riferimento al nido familiare di Pascoli, quella della poesia non è un’abitazione qualsiasi, è il suo nido che, scosso dalla morte del genitore, ricade nell’oscurità.

Il lampo: l’analisi metrica del brano

“Il lampo” è una ballata piccola composta da due sole strofe, la prima contenente un verso e la seconda contenente sei versi.

Tutti i versi sono endecasillabi e la rima è libera, lo schema è: A BCBCCA.

Le figure retoriche che possiamo apprezzare all’interno del componimento sono le seguenti:

  • Personificazione: al v.2 la terra viene descritta ansante, come se fosse un essere vivente.
  • Ripetizione: al v. 4 vi è la ripetizione dell’aggettivo “bianca bianca” riferito alla casa, come a volerne sottolineare il candore, in opposizione a quanto sta accadendo
  • Ossimoro: sempre al v.4 vi è l’accostamento di due termini opposti “tacito tumulto”.
  • Antitesi: nel brano ce ne sono due: una al v. 5 “una casa apparì sparì” ed una al v. 7 “s’aprì si chiuse”.
  • Similitudine: al v.5 “come un occhio”, riferito alla casa.

Circa Feliciana

Guarda anche

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” di Eugenio Montale: analisi e commento

La poesia di Eugenio Montale “Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale” ...

L'assiuolo di Giovanni Pascoli

“L’assiuolo” di Giovanni Pascoli: commento ed analisi

“L’assiuolo” è un componimento poetico di Giovanni Pascoli contenuto nell’opera Myricae, precisamente nella sezione “in ...

Il gelsomino notturno - Giovanni Pascoli

Il gelsomino notturno di Giovanni Pascoli: analisi e commento

“Il gelsomino notturno” è un componimento poetico scritto da Giovanni Pascoli in occasione delle nozze ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *