giovedì , giugno 28 2018
Home / Lessico / Come si scrive: sennò o se no?
Come si scrive: sennò o se no?

Come si scrive: sennò o se no?

Sennò o se no: la domanda è semplice, come si scrive? Sto sbagliando a scrivere sennò, forse dovevo scrivere se no! A volte nella grammatica italiana ci sono delle parole che possono essere scritte in due modi.

Sia nella forma unita che nella forma separata. Questo è il nostro caso. L’avverbio che significa “in caso contrario” si può scrivere in entrambe le forme.

Sennò o se no: quale è la differenza?

Scrivere “se no” è il modo più comune ed il più usato nel linguaggio contemporaneo. “Sennò” è la forma meno utilizzata, essa nasce dal raddoppiamento sintattico.

Quest’ultima forma risulta meno arcaica e più usata all’interno della famiglia. Entrambe le forme possono essere sostituite con altrimenti, diversamente, in caso contrario.

Come si forma sennò? Se si dicesse “se no” l’unione dovrebbe dare “senò” ed invece non è così.

  • La congiunzione “se” è un monosillabo cogeminante e quindi provoca il raddoppiamento della consonante successiva, per questo il risultato è sennò.
    • Occhio a non togliere l’accento avrebbe un significato completamente diverso.

Sennò o se no: la regola

E’ il raddoppiamento che subisce la consonante che lega una parola ad un’altra. Va attribuito all’assimilazione delle consonanti finali latine. Di regola lo abbiamo come fenomeno orale che non trova riscontro nello scritto. Il raddoppiamento sintattico è visibile graficamente nelle parole che hanno subito un processo di univerbazione.

  • L’univerbazione è l’unione di due parole sia grafica che verbale che formavano un sintagma ricorrente anche se divise.
    • Il raddoppiamento sintattico si ha maggiormente nella pronuncia degli abitanti dell’Italia centrale e meridionale. La parlata settentrionale tende ad ignorare le consonanti doppie e quindi il raddoppiamento è meno evidente.

Ci sono delle parole che siamo portati a considerare univerbate ma non lo sono quindi occhio a non scriverle unite perchè è un errore. Ad esempio Eddai, Maddai, Vabbè, Cosissia. Verbalmente prendono forma come se fossero unite ma non lo sono. Forse tra qualche anno lo diventeranno ma per oggi ancora no.

Circa Monica Missinato

Guarda anche

apposta o a posta

Come si scrive: “apposta” o “a posta”?

Quante volte ci è capitato di urtare incidentalmente un passante mentre camminavamo distratti, di rovesciare ...

Consigli per studenti imparare lo spagnolo da casa

Consigli per studenti: imparare lo spagnolo da casa

Che conoscere le lingue sia un modo efficace per trovare lavoro e avere maggiori possibilità ...

Valige o valigie

Valige o valigie: come si scrive?

Quando andate in vacanza cosa preparate, le valige o le valigie? Siamo di nuovo alle ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *