sabato , novembre 18 2017
Home / Appunti di italiano / Sono una creatura: analisi, riassunto e commento

Sono una creatura: analisi, riassunto e commento

Sono una creatura è un componimento di Giuseppe Ungaretti che, come altri, è stato scritto durante la Prima Guerra Mondiale. Il poeta costruisce la poesia attraverso una più similitudini e termina con una famosa espressione: “la morte si sconta vivendo”.

Come altri componimenti (Veglia, San Martino del Carso e Fratelli) la scena è quella della guerra e della trincea dove Ungaretti sta con i “compagni” di guerra.

Sono una creatura – Testo

Come questa pietra
del S. Michele
così fredda
così dura
così prosciugata
così refrattaria
così totalmente
disanimata

Come questa pietra
è il mio pianto
che non si vede

La morte
si sconta
vivendo

Sono una creatura – Riassunto

La prima strofa è costruite su un’unica similitudine (pietra), in questo caso però balza all’occhio l’anafora “così” infatti la sua ossessiva ripetizione (ben 5 volte) genera una gradazione di segno negativo (da fredda a disanimata) attraverso un climax crescente.

Il secondo termine di paragone (pianto) suscita un senso di attesa dell’ultima breve strofa che propone uno dei più celebri ossimori della poesia ungarettiana, che ancora una volta fa leva sulla contrapposizione vita/morte: la morte / si sconta / vivendo.

Sono una creatura – Analisi

Alcuni concetti essenziali, che ritroviamo anche negli altri componimenti, sono:

  • essenzialità, mancanza di rime ed estrema scarnificazione della parola;
  • costruzione del contenuto su una grande similitudine;
  • ripresa del tema della vita al termine del componimento (fratelli, vita, vivendo).

Sono una creatura – Commento

Come nella poesia San Martino del Carso, anche qui Ungaretti inserisce nel testo della poesia una precisa collocazione geografica; in questo caso si tratta del monte San Michele.

Questi sono territori particolari ed ancora oggi profondamente tristi; questa zona infatti (vicinissima a Sagrado il comune dove oggi è incluso San Martino del Carso) è disseminata di trincee, camminamenti, caverne e gallerie che ricordano ed ospitano ogni anno le commemorazioni riguardo la Prima Guerra Mondiale.

La funzione di questa poesia è quella di eternare il significato di cosa significhi “fare la guerra” e partecipare in prima persona ad un conflitto del genere. Anche se un giorno i “veri” testimoni non ci saranno più, quello che avranno lasciato sarà quanto meno utile per ricordare ciò che è accaduto.

Questa nuovo articolo è terminato, continuate a seguirci su soloscuola.com; inoltre puoi consultare l’apposita sezione dedicata ai vari riassunti ed analisi che riguardano Giuseppe Ungaretti.

Circa Christian

Guarda anche

San Martino del Carso: analisi e riassunto

San Martino del Carso è un breve componimento di Giuseppe Ungaretti scritto nel 1916 e ...

I Fiumi: analisi, commento e riassunto

I Fiumi è un componimento di Giuseppe Ungaretti che costituiscono una sorta di “riassunto” della vita ...

In Memoria: analisi, commento e riassunto

In Memoria è un componimento scritto da Giuseppe Ungaretti per ricordare il suo caro amico: ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi piace