Home / Lessico / Buonasera o buona sera: come si scrive?
Buonasera o buona sera: come si scrive?

Buonasera o buona sera: come si scrive?

Buonasera o buona sera? Che dilemma! Vediamo insieme come si scrive. “Buonasera“, il saluto più diffuso della lingua italiana, valido dall’ora di pranzo in poi.

È una formula di saluto sia formale (rivolto a persone non conosciute) sia informale (rivolto a parenti amici) ed è corretto usarlo sia come saluto iniziale sia quando ci si separa da qualcuno.

Buonasera o buona sera: qual è la forma più corretta?

Raramente l’interiezione viene usata in un testo scritto ma, all’occorrenza, molti italiani si sono chiesti: “si scrive buonasera o buona sera”? La soluzione è più articolata di quanto si pensi.

Infatti, è accertato che entrambe le forme siano concepite dal lessico italiano, dai principali dizionari e dalle grammatiche della conversazione, ma è anche vero che vanno usate in ambiti diversi e per esprimere informazioni altrettanto diverse.

Buonasera o buona sera: la regola

Distinguiamo a seconda che:

  • L’interiezione che funziona da formula di saluto può scriversi sia in forma analitica, sia con scrizione continua: “buona sera (o buonasera) a tutti voi!”; “buona sera (o buonasera) bambini”.
  • Se, invece, buonasera ha valore sostantivale, va scritto unito: “dare la buonasera“; “gli ho augurato la buonasera“.

Riconoscere quando tali parole hanno valore di sostantivo è molto semplice, in quanto sono sempre precedute dall’articolo determinativo o indeterminativo.

Buonasera e buona serata: la differenza

La stessa regola vale anche per i termini “buonanotte” e “buongiorno”, mentre è scorretto unire espressioni come buon pomeriggio, buon week end, buona giornata e buona serata.

Quest’ultima viene spesso usata al posto di buonasera, ma le due espressioni non sono sempre sostituibili:

  • buonasera si può dire al momento dell’incontro o del commiato;
  • buona serata si dice solo al commiato per augurare che il resto della sera passi nel modo migliore; inoltre ha un tono più familiare.

Ricapitolando: se usati come formula di saluto/augurio, buongiorno, buonasera e buonanotte possono essere scritti uniti o con grafia separata. Nel caso abbiano valore di sostantivo o di interiezione è obbligatorio utilizzare la scrizione continua.

Circa Andrea Del Gaudio

Guarda anche

Avverbi di frequenza in inglese

Avverbi di frequenza in inglese: quali sono?

L’inglese è una delle lingue più parlate al mondo e una skill indispensabile da avere ...

Preposizioni di tempo in inglese

Preposizioni di tempo in inglese: quali sono?

L’inglese è una delle lingue più parlate al mondo e scoprirne tutti i segreti può ...

Preposizioni di luogo in inglese

Preposizioni di luogo in inglese: quali sono?

Scoprire la lingua inglese può essere davvero interessante e può aiutare chiunque di noi ad ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *